© 2018 Amonti Coperture Edili Srl. By MorpheusDesign

Amonti Coperture Edili Srl 
Sede Legale: via Gilioli, 5 - 46043 Castiglione delle Stiviere (MN)

Sede operativa: via dell'industria, 5 - 46043 Castiglione delle Stiviere (MN)
Tel/Fax: 0376/632564 - PI/CF: 01903060208

info@amonticoperture.it

COME GESTIRE LE BOMBE D'ACQUA

Updated: Nov 14, 2019

Scopri come Gestire Efficacemente un Imprevisto Grave come le Bombe d’Acqua, imparando da Noè, Evitando così il Rischio dei Fermi di Produzione



Negli ultimi decenni stiamo, sempre più subendo dei veri e propri attacchi dal cielo paragonabili ai

bombardamenti dell’ultima guerra mondiale.

Tutto questo a causa delle variazioni climatiche epocali che si stanno verificando in Europa, alle

quali non eravamo abituati, che generano fenomeni atmosferici sempre più potenti che si

manifestano sotto forma di acquazzoni, nella migliore delle ipotesi, o di grandinate paragonabili a

meteoriti piovute dal cielo.

Queste “bombe d'acqua” micidiali che creano straripamenti di fiumi, smottamenti di colline ,

allagamenti stradali e rigurgiti di fognatura mettono sul lastrico i cittadini, mietendo vittime e

facendo danni impressionanti.

Le nostre aziende non sono certo al riparo da questi eventi, anzi spesso sono le vittime

più illustri di una malagestione delle manutenzioni pubbliche.

Ora se, cosa che non ti auguro di vivere mai, la tua azienda dovesse malauguratamente essere

vittima di un evento così catastrofico come quello appena descritto, la cosa più preoccupante non

è solo il danno materiale che ne deriva ma il rischio, molto alto, di un conseguente fermo della

produzione per inagibilità dei locali.

Ergo, oltre al danno la beffa.

Si perchè questo produrrebbe, come conseguenza inevitabile, lo stop della produzione fino all’agibilità dei locali.

Quindi un’azienda vittima di un evento atmosferico, che dovesse subire un danno del genere

dovrà dapprima provvedere alla riparazione del sito produttvo e solo dopo riprendere la

produzione, con notevoli ritardi nelle consegne di eventuali commesse oltre alle materie prime

che andrebbero distrutte dall’accaduto.

In tutto questo, l’unica via che mi sento di suggerirti è quella della “Strategia Preventiva” così da

poter dormire sonni tranquilli mettendoti al riparo da brutte sorprese.

Sin dai tempi di Noe' “L'uomo saggio sapeva prevedere gli eventi catastrofali con il giusto

anticipo”.

Quindi la prevenzione rimane, ancora una volta, la via maestra.

Peraltro, oggi, non hai più scusanti perchè grazie al regime fiscale INCENTIVANTE, fatto da

numerose agevolazioni e all'accesso al credito abbastanza agevole, potrai programmare tutti quegli interventi necessari in azienda al fine di prevenire allagamenti e fermi produzione devastanti.

In molti casi, ad esempio, non è neanche necessario sostituire un tetto per evitare gravi infiltrazioni.

Spesso è sufficiente una manutenzione ordinaria al tetto, consistente in poche operazioni di

pulizia, rifissaggio, siliconatura, realizzazione di troppo-pieni, per scongiurare il rischio di seri danni

ai macchinari presenti in azienda.

E il paradosso è che il danno è sempre notevolmente maggiore rispetto al costo di manutenzione !

Se anche tu, come molti imprenditori, non stai dormendo sonni tranquilli o ti perseguita l'incubo del fermo produzione, chiamami al mio numero 339.4579968 e prenota una visita per verificare le reali condizioni del tuo tetto.

Un caro saluto.

Arch. Stefano Amonti